Rewarding Ways è un sito in lingua inglese, con molti italiani iscritti, che ti ricompensa per completare sondaggi o iscriverti ad altri siti.
Una volta iscritto, nel menù orrinzontale in alto troverai queste voci:
offers: dove troverai le offerte per guadagnare, soprattutto iscrizioni;
daily surveys: con i sondaggi pagati del giorno;
refer: usando il codice che troverai in questa pagina per fare iscrivere i tuoi amici, guadagnerai il 25% dei loro guadagni (senza che a loro venga tolto niente).
A fianco delle offerte per guadagnare, sia iscrizioni che sondaggi, troverai specificato quanto verrai ricompensato per ognuna di esse.
Inoltre è presente un forum e una chat dove potrai comunicare con gli altri iscritti o con lo staff di Rewarding Ways e risolvere eventuali dubbi.
Verrai pagato una volta raggiunta la cifra di 1$ tramite PayPal.

beruby.com - Guadagna acquistando online

Il guadagno online è da sempre qualcosa di difficile da raggiungere: c'è chi si è fatto i milioni e chi invece ha cercato di raggranellare qualcosa. E chi ci ha sempre creduto, ma non ha mai guadagnato niente. Oggi voglio presentarvi un ottimo sito che vi permette di guadagnare qualche euro anche solo visitando alcuni siti, vediamo di cosa si tratta.

Il sito in questione si chiama BeRuby.com e permette di guadagnare da qualche centesimo a qualche euro semplicemente visitando alcuni siti, oppure registrandoci, oppure comprando. Dovrete solamente registrarvi e iniziare a guadagnare!



I link diretti ai siti sono divisi proprio in questo modo, ossia se i portali pagano per visita, per registrazione o per acquisto.



Ciò che è interessante è il fatto che molti siti pagano belle cifre qualora voi, provenendo da BeRuby.com, doveste acquistare qualche prodotto su uno dei siti inserzionisti. Un esempio? Se doveste attivare stipulare un contratto con Fastweb provenendo da BeRuby.com, la stessa Fastweb vi farà risparmiare 12€. Non malissimo vero? Un altro esempio? Quante volte vi collegate a Facebook ogni giorno? BeRuby.com vi paga quasi 1 centesimo a visita, basta che ci proveniate da BeRuby.com!



Il mio consiglio è quello di registrarsi ai siti (guadagni che vanno dai 10/20 centesimi fino all'euro) utilizzando servizi di mail temporanea, come MailCatch.com oppure TrashMail.net(insomma ce ne sono migliaia di servizi utili a non dare il vero indirizzo mail, in modo da prevenire lo spam).



Se poi doveste fare qualche acquisto, perchè non passare attraverso BeRuby? In fondo non vi costa niente e vi fa risparmiare qualcosa? Se per caso dovete registrarvi ad Ebay, dovete provenirci da BeRuby, vi verranno "regalati" 4.66 €!



Il payout è molto basso: al raggiungimento di 10 euro vi verranno versati sul vostro conto PayPal (dovete averne uno per poter ricevere i soldi).



Insomma, un buon sito per guadagnare qualcosa online, con il vantaggio di incontrare siti interessanti e spesso utili.

beruby.com - Guadagna acquistando online

di Marco Dell'Omo

ROMA - E' ancora Silvio Berlusconi l'uomo d'oro del parlamento italiano. Con il suo imponibile record di oltre 23 milioni di euro (per la precisione 23.057.981 ,circa 9 milioni in più dell'anno precedente), il presidente del consiglio guida anche quest'anno la classifica del club dei milionari delle Camere. E' così dal 2003, anno in cui il leader del centrodestra si riprese la prima piazza della top ten dei parlamentari più facoltosi, soffiatagli l'anno prima da Gianni Agnelli (la competizione era ancora in lire, finì 26miliardi a 16 per l'Avvocato); da allora nessuno è riuscito a scalzarlo dalla prima posizione.

Resi noti dal parlamento in virtù della legge che impone la trasparenza delle ricchezze di deputati, senatori e membri del governo, i redditi dei parlamentari italiani tratti dalle dichiarazioni 2009 (si tratta dunque di soldi guadagnati nel 2008) navigano intorno a una media di 100-150mila euro lordi. L'aristocrazia delle Camere è rappresentata da un pugno di parlamentari-imprenditori, parlamentari-professionisti e soprattuttio parlamentari-avvocati che devono le loro ricchezze alle attività svolte fuori dalle Camere e alle ricche parcelle che incassano per le loro prestazioni.

Dietro Berlusconi, distanziato di circa 17 milioni, c'é lo stilista Santo Versace, il fratello di Gianni e Donatella portato in Parlamento dal centrodestra: per lui un imponibile di 5.190.127 euro. Terzo nella top ten dei milionari, l'imprenditore delle cliniche ed editore di "Libero" e "Il Riformista" Antonio Angelucci (3.530.528euro) Tra i ricchissimi spicca la pattuglia degli avvocati di grido presenti in Parlamento: Giuseppe Consolo ha dichiarato un imponibile di 2.524.904euro; Niccolò Ghedini, avvocato del premier, ha guadagnato 1.345.235 euro ; Donato Bruno 1.293.235, Giulia Bongiorno 1.288.440. Per un soffio fuori dalla classifica dei dieci nababbi (battuto dalla Bongiorno per seimila euro) il coordinatore del Pdl Denis Verdini, finito sotto inchiesta per lo scandalo della protezione civile: il suo imponibile dichiarato nel 2009 era stato di 1.282.034 euro.

Come si vede sono tutti parlamentari del Pdl. Il Pd entra nella top ten dei paperoni solo grazie agli introiti di Umberto Veronesi: il chirurgo milanese è il numero sei della classifica, con il suo imponibile di 1.678.554 euro. Nel governo, dietro Berlusconi, il più ricco risulta essere il sottosegretario Gianni Letta (1.315.186 di euro). E' andata bene anche al sottosegretario Gianni Bertolaso, capo delle protezione civile, che ha dichiarato 613.403 euro.

Tra i ministri più benestanti, il responsabile del dicastero della salute Ferruccio Fazio (634.968 euro), il ministro della Difesa Ignazio La Russa (517.078 euro), la ministra del Turismo Michela Brambilla (312.389 euro), mentre la maglia nera va incredibilmente a Giulio Tremonti: nella dichiarazione dei reddito del 2009 il superministro dell'Economia ha dichiarato un imponibile di appena 39.672 euro, con un crollo verticale delle entrate rispetto all'anno precedente, quando aveva dichiarato 4,5 milioni.

La misera dichiarazione del ministro si spiega con il fatto che Tremonti ha lasciato il suo studio di commercialista: il suo reddito "reale" sfiorerebbe i 180 mila euro, ma nel 2009 ha dovuto versare alla cassa di previdenza professionale una rata salata di circa 140mila euro. Di qui l'imponibile così basso. Se quest'anno Tremonti è il ministro più indigente, in Parlamento c'é stato chi ha fatto peggio di lui.

La senatrice del Pdl Alessandra Galloni si è fermata a 21mila euro, poco meno di un millesimo di quanto dichiarato dal suo leader. La senatrice è arrivata a Palazzo Madama solo nel dicembre dello scorso anno, e i redditi dichiarati si riferiscono a un periodo in cui non riceveva ancora lo stipendio da parlamentare. Ai vertici di Camera e Senato, Renato Schifani ha guadagnato più di Gianfranco Fini. Il primo inquilino di Palazzo Madama, infatti, ha dichiarato un imponibile di 190.643 euro contro i 142.243 euro del presidente di Montecitorio.

Tra i leader politici, a parte Silvio Berlusconi il più ricco è Antonio Di Pietro con 193.211 euro, davanti a Umberto Bossi che di euro ne ha dichiarati 156.405. Segue a ruota il leader del Pd Pier Luigi Bersani con 150.450. Quello che guadagna meno di tutti è il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini, con i suoi 123.005 euro. A spulciare i dati raffrontandoli con quelli dello scorso anno balza agli occhi un dato: tutti i leader del Pd guadagnano meno .

Unica eccezione: l'attuale capogruppo alla Camera Dario Franceschini che passa dai 220.419 euro a 221.764. Ma per il resto sono vacche magre: Pier Luigi Bersani perde quasi 13.000 euro passando da 163.551 a a 150.450 euro. Quasi 'crollo' per Walter Veltroni che dimezza sue 'entrate': da 477.778 euro 'precipita', si fa per dire, a 238.497. In calo, anche se in minor misura, è pure Massimo D'Alema. Il suo reddito imponibile ora è di 142.839 euro contro i 171.044 della precedente dichiarazione. Ma anche Piero Fassino 'perde': ora denuncia un reddito di 126.661 euro. In passato ne dichiarava 194.292.

Articoli
Commenti
Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
di davide d'imporzano  Create Your Own

Se questo blog è di tuo gradimento copia il codice HTML qui sopra e diffondi il banner
Questo blog non rappresenta in nessun modo una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato a intervalli regolari e non ha scadenze periodiche. Di conseguenza non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07.03.2001. Parte delle immagini, contributi audio o video e testi usati in questo blog provengono dalla Rete e i diritti d'autore appartengono ai rispettivi proprietari. Qualora l'uso di testi e/o immagini violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà immediatamente alla loro rimozione.
Creative Commons License
"La Goccia" di Davide D'Imporzano by Davide D'Imporzano is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 2.5 Italia License.